Un punto

Alberto Valente

Giunto alla soglia
Andato al mondo
Con sguardo di marmo
Mi guardo.
Impietoso.
M’immagino morto e sepolto
Riassunto
In laconica epigrafe
” parlò con tutti
di tutto parlò ”
e di questo parlare
mi parlo.
Del verbo proluso
Del prologo andante
Del dire fluente
Che bocca capiente
Con fare suadente
S’approcciò alle facce
Si strinse alle cose
Le annodò
Impiccò con avverbi
Le rese miei servi
Con shampoo di modi
E doping estetici.

Estatico dire

È stato… che dire
Che dire del tempo
E dire che è tanto
E dire che è poco

È lo stesso.

Ma il fuoco…
Il fuoco…
Il fuoco che brucia la lingua
Di frasi s’inpingua
S’infanga
S’impasta
S’iintreccia di rasta
Di resta t’infilza
Ti stringe la milza

Il parlare

T’ingozza il piloro

Il bisogno di dire
Che dire?

Trascorse la vita
Di tutto parlò
Ma il punto
L’appunto che faccio è

Il punto dov’è?

Che giunto alla tomba
O d’appresso
La domanda mi cresce
Mi sale
Di sale che brucia
È ormai solo questa

Il punto dov’è?

Di tutte le cose
Di tutte le frasi
Gli annunci
I proclami

Urlati          inghiottiti
Banfati       assorbiti

Lo vedi lo vedi
Che son già caduti

Andati
Marciti

Fluiti nei tubi

Finiti ammassati scaduti

Nei loro bidoni

Interrati e già esplosi

Monnezza monnezza
Campana già fessa
In partenza
Non differenzia
Né riduce
Né ascolta

Andati marciti scaduti

Agli angoli ottusi
Dei discorsi da pub
Dei fraseggi del pube

Fraseggi motteggi asserzioni
Puntini sospesi
Spuntini capresi
Da autostazioni

Senza fine
Senza un fine
A questo lega
Il mio tempo
Per anni
E ancor mi domanda

Il punto dov’è?

Dov’è quel filo

Che scorre
Che snoda gli eventi

Se tutto s’annoda
S’ammassa il vociare
Tra mura e lamiere
Tra corde e ringhiere
Tra ringhi e mugghiere
S’affanna sto dire
Che acquieta il tormento
Il viola violento
Di uno scatto alla risposta
Che in lei c’ho riposta speranza
Di tutto sto dire

Ma il punto dov’è

Il punto
Il finale
Il finale a sorpresa

Che scioglie riserve
Che svela la trama
Che risolve il conflitto
Che assolve la spesa

Di tutto sto dire
Sto mercato

Di bocche
Di orecchie
Di sguardi bastardi

Come cani meticci
Come lupi allupati
Come ruspe ruspanti
Cerchiamo prati silenziosi
Da sventrare riempire cambiare
Vuoti che tappi
Monti che buchi
Silenziosi monti di bruma
Grigi grigioni
Lenti lessini
Sempre più rari
Lontani
Che il polo si scioglie
Si scioglie e non parla
Delle nostre parole
Delle onde sonore
Dei trilli venefici

” La Marta è già stata in vacanza
Ma guarda…
E Pino s’è iscritto in palestra
Ma pensa…”

Sti trilli malefici
Che non scuotono più
Sguardi narcotici
Occhi moribondi
Che cercano nulla
Che chiedono il nulla
È finito il silenzio
È finito
In questo foglio
È finita la bruma, il bianco, l’ozono e il suo polo
È finito
E forse, sfinito,
un punto
adesso
ci sta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...