Chi l’ha detto n.9

Elena Gramegna

Chi vuole comprendere un testo deve essere pronto a lasciarsi dire qualche cosa da esso.

Il filosofo misterioso è Hans-George Gadamer, nato nel 1900 a Marburg e morto nel 2002 a Heidelberg.
Fu allievo di Heidegger e partendo dal suo pensiero elaborò un’ermeneutica filosofica. L’obbiettivo della sua ermeneutica era quello di mettere in chiaro le strutture della comprensione e dell’interpretazione come strutture proprie dell’esistenza dell’uomo. Insegnò nelle prestigiose università di Lipsia, di Francoforte e poi in quella di Heildelberg, sua città natale. Fu un acuto interprete della filosofia antica e studioso di Hegel.
Nel 1960 pubblicò la sua opera più importante, Verità e metodo. Lineamenti di un’ermeneutica filosofica. L’intento di Gadamer era quello di portare alla luce l’esperienza di verità, che ha luogo nella storia, e il compito dell’ermeneutica è la mediazione tra passato e presente. L’interpretazione consiste allora nel mettere alla prova la propria pre-comprensione, mettendosi in un atteggiamento d’ascolto, cioè lasciandosi dire qualche cosa dal passato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...