Il lavoro dei campi – 4

Salvatore Smedile

Dopo le solite chiacchiere
e gli acquisti da Miss Ardara
mi sfamavo seduto
sul sagrato della chiesa:
pane di segala, burro salato
e salmone del Burren.
Lasciavo che il tempo
scorresse inosservato.
Spesso mi accontentavo
di cercare una via di accesso
alle bellezze evanescenti
che passavano da lì.
Il più delle volte
mi addormentavo
dentro un mare di ricordi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...